Utilizzando questo sito, autorizzi noi e i nostri partner a poter impostare dei cookie per personalizzare i contenuti come da nostra Cookie Policy

Arrow up
Arrow down
27 Luglio, Giovedì, 2017

header Ragazzi

 

Domenica 13 novembre 2016. Triangolare Padule/Antella-Chianti

Domenica 13 novembre 2016.  Triangolare Padule/Antella-Chianti.

Palazzetto del Liceo Gobetti di Bagno a Ripoli

Non neghiamolo: vedere i nostri ragazzi impegnati in gara con una maglia dai colori diversi da quelli a cui eravamo abituati fa un certo effetto specie in Società sportive dove la partecipazione dei genitori è più attiva, come generalmente accade nel baseball.  Tanti pensieri affollano le teste di noi  genitori: come si troverà mio figlio, o mia figlia,  con quei colori addosso, colori che significano compagni diversi, con i quali non hanno una frequentazione quotidiana, ma anche allenatori diversi, magari con modalità di approccio che non conosciamo…poi li vediamo giuocare e sono proprio loro a darci la risposta, a toglierci tutti i dubbi, a farci comprendere che,  a volte, le nostre preoccupazioni non hanno concretezza.  Palleggiano tra loro come se l’avessero sempre fatto, si parlano, comunicano e, soprattutto, giuocano, litigano anche, come se avessero sempre giuocato insieme, creando un amalgama di squadra laddove non ce lo saremmo mai aspettato!  Ci stanno dicendo, in poche parole, che quello che conta, per loro, è giuocare a Baseball, niente altro.  Alle Società, ed ai genitori,  il compito di accogliere quel messaggio, farlo diventare realtà, fare in modo che ognuno dei nostri ragazzi abbia la  possibilità di mettere in pratica quello che apprendono in gioiosi ma faticosi allenamenti.  E giuocare, sempre, tutti.  Tutto questo ha un nome: si chiama Franchigia, ovvero quella realtà faticosamente conquistata che pone i nostri ragazzi davanti a tutto, anche ai colori delle Società Sportive, che dovrebbero avere  come mission quella di rendere possibile tutto questo. Società, quindi, esempi di apertura, con la consapevolezza che solo questa permeabilità  permetterà non solo ai nostri ragazzi di giuocare, sempre e tutti, ma potrà essere  anche un volano per la maggior diffusione possibile dello sport che, almeno per noi, è il più bello del mondo.

Antella Baseball e softball da anni persegue questo  difficile obiettivo.  Difficile perché spesso ci perdiamo in lunghe discussioni mentre basterebbe guardare un po’ più da vicino i nostri ragazzi, come è successo domenica 13 novembre, presso il Palazzetto dello Sport del Liceo Gobetti a Bagno a Ripoli.  Si sono confrontate tre squadre: il Padule e due rappresentative miste  formate da ragazzi del Chianti e dell’Antella.  La finale ha visto confrontarsi la squadra “verde”, dal colore della casacca indossata per l’occasione dai ragazzi Antella/Chianti, e il Padule ed anche il risultato riteniamo sia stato di buon auspicio, seppur inconsueto nel Baseball: un pareggio per 3 a 3 dopo quasi un’ ora e mezza di partita vivacissima.  Ma la cosa più importante è stato vedere che per i nostri ragazzi quella casacca così diversa dalla loro non ha rappresentato un limite o un problema ma  solo la possibilità di giuocare insieme, di conoscersi e confrontarsi.  Abbiamo tutti davvero tanto da imparare da loro.